Frühling in Paris – Primavera a Parigi

Testo originale
Testo ©2009 Rammstein
Traduzione
Traduzione ©2009 Daniele Benedetti

Im Lichtkleid kam sie auf mich zu
Ich weiß es noch wie heut
Ich war so jung hab mich geniert
Doch hab es nie bereut
Sie rief mir Worte ins Gesicht
Die Zunge Lust gestreut
Verstand nur ihre Sprache nicht
Ich hab es nicht bereut

Oh non rien de rien
Oh non je ne regrette rien
Wenn ich ihre Haut verließ
Der Frühling blutet in Paris

Ich kannte meinen Körper nicht
Den Anblick so gescheut
Sie hat ihn mir bei Licht gezeigt
Ich hab es nie bereut

Die Lippen oft verkauft doch weich
Und ewig sie berühren
Wenn ich ihren Mund verließ
Dann fing ich an zu frieren

Sie rief mir Worte ins Gesicht
Die Zunge Lust gestreut
Verstand nur ihre Sprache nicht
Ich hab es nicht bereut

Oh non rien de rien
Oh non je ne regrette rien
Wenn ich ihre Haut verließ
Der Frühling blutet in Paris

Ein Flüstern fiel mir in den Schoß
Und führte feinen Klang
Hat viel geredet nichts gesagt
Und fühlte sich gut an

Sie rief mir Worte ins Gesicht
Und hat sich tief verbeugt
Verstand nur ihre Sprache nicht
Ich hab es nicht bereut

Oh non rien de rien
Oh non je ne regrette rien
Wenn ich ihre Haut verließ
Der Frühling blutet in Paris

In un vestito di luce si è avvicinata a me
Lo distinguo ancora come se fosse oggi
Ero così giovane, mi sono imbarazzato
Ma non l’ho mai rimpianto
Mi ha gridato parole in faccia
La lingua ha sparso desiderio
Non ho capito solo la sua lingua [1]
Non l’ho rimpianto

Oh no, niente di niente [2]
Oh no, non rimpiango niente
Quando ho lasciato la sua pelle
La primavera sanguina a Parigi

Non conoscevo il mio corpo
Lo sguardo così spaventato
Me l’ha mostrato alla luce
Non l’ho mai rimpianto

Le labbra vendute spesso, ma morbide
E da toccare per sempre
Quando ho lasciato la sua bocca
Allora ho cominciato ad avere freddo

Mi ha gridato parole in faccia
La lingua ha sparso desiderio
Non ho capito solo la sua lingua
Non l’ho rimpianto

Oh no, niente di niente
Oh no, non rimpiango niente
Quando ho lasciato la sua pelle
La primavera sanguina a Parigi [3]

Un sussurro mi è caduto nel grembo
E ha condotto un suono delicato
Ha parlato molto, non ha detto niente
E si è sentita bene

Mi ha gridato parole in faccia
E si è piegata profondamente
Non ho capito solo la sua lingua
Non l’ho rimpianto

Oh no, niente di niente
Oh no, non rimpiango niente
Quando ho lasciato la sua pelle
La primavera sanguina a Parigi

[1] In queste due strofe “Zunge” e “Sprache” vengono tradotte entrambe con “lingua”: nel primo caso però si intende l’organo, nel secondo il linguaggio. In Italiano si perde questa sfumatura (grazie a Roberto Ricci per la sottolineatura).

[2] Le parti in francese sono tratte dalla canzone “Non, je ne regrette rien” di Édith Piaf.

[3] Il verbo “bluten” coniugato al presente, l’unico nella canzone, non è certamente casuale: l’impressione è che questa scelta voglia sottolineare che il ricordo dei fatti narrati è ancora vivo, così come le emozioni che provoca nel protagonista, nonostante siano passati molti anni.

Torna a traduzioni Rammstein