Harte Welt – Mondo difficile [1]

Testo originale
Testo ©2014 Ost+Front
Traduzione
Traduzione ©2014 Daniele Benedetti

Du bist so schön
Ich bin so hässlich
Du bist mir doch
Ganz unerlässlich

Harte Welt
Harte Welt

Ein Gedicht aus schwarzem Haar
Und unbeschreiblicher Gestalt
Träum ich oder ist es wahr?
Ich brenne und doch ist mir kalt

Du bist so zart
Ich bin allein
Wir werden ewig
Zusammen sein

Harte Welt
Harte Welt

Du bist mein Paradies
Ich hab noch einen Koffer in Paris
In Paris

Ein Gedicht aus schwarzem Haar
Und unbeschreiblicher Gestalt
Träum ich oder ist es wahr?
Ich brenne und doch ist mir kalt

Tu sei così bella
Io sono così brutto
Tuttavia sei per me
Del tutto indispensabile

Mondo difficile
Mondo difficile

Una poesia di capelli neri
E una forma indescrivibile
Sogno o son desto?
Brucio e tuttavia ho freddo

Tu sei così delicata
Io sono solo
Staremo insieme
Per sempre

Mondo difficile
Mondo difficile

Tu sei il mio paradiso
Ho ancora una valigia a Parigi [2]
A Parigi

Una poesia di capelli neri
E una forma indescrivibile
Sogno o son desto?
Brucio e tuttavia ho freddo

[1] Il titolo della canzone presenta un doppio senso esplicito, in quanto richiama il cognome di Renée Hartevelt studentessa olandese alla Sorbona di Parigi uccisa dal giapponese Issei Sagawa nel 1981. Sagawa invitò la sua compagna di università a studiare a casa sua, la uccise con un colpo di fucile alla nuca e fece sesso con il cadavere, di cui successivamente mangiò delle parti.

[2] Altro chiaro riferimento all’omicidio, che fu consumato appunto nella capitale francese. La canzone richiama il macabro particolare che i resti della Hartevelt furono ritrovati all’interno di due valige che Sagawa aveva abbandonato nei pressi di un ristorante.

Torna a traduzioni Ost+Front