Anders [1]

Testo originale
Testo ©2014 Ost+Front
Traduzione
Traduzione ©2014 Daniele Benedetti

Sie liebt den kleinen Prinzen nie zu sehr
Er rennt im Käfig hin und her
Will endlich zu den andern Kindern
Sie sollen seine Leiden lindern

Dem Königssohn das Blut gefriert
Die Kinder sind degeneriert
Entartet, unrein, geisteskrank
So eilt er auf zum Waffenschrank

Anders – ich bin Anders
Anders – ja, ich bin Anders

Nicht lebenswerte Ungerechtigkeit
ein Sturmgewehr hat immer für mich Zeit
69 Freunde nenn ich mein
Am Abend will ich doch alleine sein

Gut getarnt, stech ich in See
Beeil mich, denn bald taut der Schnee
Sie wissen nichts von ihrem Glück
Ich schicke sie ins Licht zurück

Anders – ich bin Anders
Anders – ja, ich bin Anders

Hårde tider har vi døyet
Ble til sist forstøtt
Men i verste nød blåøyet
Frihet ble oss født

Anders – ich bin Anders
Anders – ja, ich bin Anders

Lei non ama mai troppo il piccolo principe
Corre in gabbia qua e là
Vuole finalmente andare dagli altri bambini
Dovrebbero alleviare la sua sofferenza

Al figlio del re si gela il sangue
I bambini sono degenerati
Depravati, impuri, malati di mente
Così va di corsa all’armadio delle armi

Anders – io sono Anders
Anders – si, io sono Anders

L’ingiustizia non è degna di essere vissuta
un fucile d’assalto ha sempre tempo per me
chiamo 69 miei  amici [2]
Tuttavia di sera voglio stare da solo

Ben mimetizzato, mi infilo nel mare
Mi affretto, perché presto si scioglie la neve
Non sanno niente della loro fortuna
Li rimando indietro nella luce

Anders – io sono Anders
Anders – si, io sono Anders

Abbiamo passato tempi duri
E infine fummo scacciati
Ma nella disgrazia un’innocente
Libertà fu per noi nata [3]

Anders – io sono Anders
Anders – si, io sono Anders

[1] La canzone si riferisce a Anders Breivik, terrorista norvegese responsabile degli attentati del 22 luglio 2011 in Norvegia.

[2] 69 è il riferimento al numero delle vittime del massacro di Utøya compiuto da Breivik (69 giovani più i direttori del campo in cui si è consumata la strage, per un totale di 77 persone).

[3] Il testo in Norvegese è un estratto di Ja, vi elsker dette landet, l’inno della Norvegia.

Torna a traduzioni Ost+Front