Schtiel – Bonaccia [1]

Testo originale
Testo ©2001 Aria (testo traslitterato)
Traduzione
Traduzione ©2010 Daniele Benedetti

Shtil’ – veter molchit
Upal beloj chajkoj na dno
Shtil’ – nash korabl’ zabyt
Odin, v mire skovannom snom

Mezhdu vseh vremen
Bez imen i lic
My uzhe ne zhdem
Chto prosnetsia briz!

Shtil’ – shodim s uma
Zhara pahnet chernoj smoloj
Smert’ odnogo lish’ nuzhna
I my, my vernemsia domoj!

Ego krov’ i plot’
vnov’ nasytit nas
A za smert’ emu
Mozhet, Bog vozdast!

Chto nas zhdet, more hranit molchan’e
Zhazhda zhit’ sushit serdca do dna
Tol’ko zhizn’ zdes’ nichego ne stoit
Zhizn’ drugih, no ne tvoia!

Net, grom ne grianul s nebes
Kogda pili krov’ kak zver’e
No nesterpimym stal blesk
Kresta, chto my IUzhnym zovem

I v poslednij mig
Podnialas’ volna
I razdalsia krik:
“Vperedi Zemlia!”

Bonaccia – il vento è silenzioso
È caduto al suolo come un gabbiano bianco
Bonaccia – la nostra nave è dimenticata
Sola, trattenuta nel mondo da un sogno

Attraverso i tempi
Senza nomi e facce
Non stiamo più aspettando
Che la brezza si svegli!

Bonaccia – stiamo diventando pazzi
Il calore odora come pece nera
Solo uno di noi deve morire
E noi, noi torneremo a casa

Il suo sangue e la sua carne
Ci sazieranno ancora
E per la sua morte
Forse Dio ci ricompenserà

Su cosa ci aspetta, il mare rimane in silenzio
La sete di vivere guida i cuori sul fondo
Ma la vita qui non costa niente
La vita degli altri, ma non la tua!

No, il tuono non è esploso dal cielo
Quando abbiamo bevuto il sangue come bestie selvagge
Ma il bagliore della Croce del Sud
È diventato insopportabile

E durante l’ultimo istante
Un’onda si è sollevata
E si udì un grido:
“Terra!”

[1] Canzone estratta dal singolo omonimo, registrato da Till Lindemann e Richard Kruspe (non come Rammstein) per il centenario della Harley Davidson a Mosca (2003).

Torna a traduzioni Lindemann