The lake – Il lago

Testo originale
Testo ©2006 L’Âme Immortelle
Traduzione
Traduzione ©2009 Daniele Benedetti

In spring of youth it was my lot
To haunt of the wide world a spot
The which I could not love the less
So lovely was the loneliness
Of a wild lake, with black rock bound
And the tall pines that towered around

But when the night had thrown her pall
Upon that spot, as upon all
And the mystic wind went by
Murmuring in melody
Then – ah then I would awake
To the terror of the lone lake

Yet that terror was not fright
But a tremulous delight
A feeling not the jewelled mine
Could teach or bribe me to define
Nor love – although the love were thine

Death was in that poisonous wave
And in its gulf a fitting grave
For him who thence could solace bring
To his lone imagining
Whose solitary soul could make
An Eden of that dim lake

Nella primavera della giovinezza era il mio destino
A perseguitare un posto dell’ampio mondo
Che io non potrei amare meno
Era così squisita la solitudine
Di un lago selvaggio, con un bordo di rocce nere
E gli alti pini che torreggiavano intorno

Ma quando la notte ha gettato il suo mantello
Su quel posto, come su tutto
Ed è passato il vento mistico
Sussurrando una melodia
Poi – ah poi vorrei svegliarmi
Al terrore del lago solitario

Tuttavia quel terrore non era spavento
Ma un piacere tremante
Un sentimento che non il mio ingioiellato
Potrebbe insegnarmi o corrompermi a definire
Né amore – tuttavia l’amore era tuo

La morte era in quell’onda velenosa
E nella sua insenatura una tomba adeguata
Per colui che da quel luogo potrebbe portare conforto
Al suo immaginare solitario
Di quale anima solitaria potrebbe rendere
Un Eden quel lago oscuro

Torna a traduzioni L’Âme Immortelle

Hai trovato utile questo articolo?
[Voti: 0 Media Voto: 0]