Stetit Puella – La ragazza stava immobile [1]

Testo originale
Testo ©2002 In Extremo
Carmina Burana: “Stetit puella rufa tunica” 177:1-8
Traduzione
Traduzione ©2007 Daniele Benedetti

Stetit puella
Rufa tunica
Si quis eam tetigit
Tunica crepuit

Heiß, heiß wie Blut
Heiß, heiß wie Blut

Es war die junge Maid
Rot im roten Kleid
Wer ihr Kleid berührt
Hat die Glut gespürt

Zeig mir die Glut
Wie dein Blut so rot
Zeig mir die Glut, zeig mir die Glut
Wie dein Blut so rot

Stetit puella
Tamquam rosula
Facie splenduit
Et os eius floruit

Heiß, heiß wie Blut
Heiß, heiß wie Blut

Wie die Rose rot
Hat sie hell geloht
Antlitz hat geglüht
Roter Mund geblüht

Zeig mir die Glut…

La ragazza stava immobile
In una tunica rossa
Se qualcuno l’avesse toccava
La tunica avrebbe frusciato

Calda, calda come il sangue
Calda, calda come il sangue

C’era una giovane fanciulla
Rossa in una veste rossa
Chi avesse toccato il suo vestito
Avrebbe sentito l’ardore

Mostrami l’ardore
Così rosso come il tuo sangue
Mostrami l’ardore, mostrami l’ardore
Così rosso come il tuo sangue

La ragazza stava immobile
Come una rosellina
Il viso splendeva
E la sua bocca era in fiore

Calda, calda come il sangue
Calda, calda come il sangue

Rossa come la rosa
Ha brillato luminosamente
Il viso brillava
La bocca rossa fiorì

Mostrami l’ardore…

[1] La parte in Latino è un estratto di “Stetit puella rufa tunica”, il carme 177 dei “Carmina Burana”.

Torna a traduzioni In Extremo