Sefardim [1]

Testo originale
Cuando el rey Nimrod
Traduzione
Traduzione ©2007 Daniele Benedetti

Cuando el rey Nimrod al campo salía
Miraba en el cielo y en la estrellería
Vido uns luz santa en la judería
Que había de nacer Avraham avinu

La mujer de Térah quedo prenada
De día en día él le preguntaba
De que tenéx la cara tan demudada?
Ella ya sabía el bien que tenía

Avrom avinu, padre querido

En fin de mueve mezes parir quería
Iba caminando por campos y vinas
A su marido, tal no lo descubría
Topó una mehará, ahí lo pariría

Avrom avinu

Quando il re lasciò Nimrod
Guardò il cielo e le stelle
Vide una luce sacra sulla città giudea
Perché doveva nascere nostro padre Abramo

La moglie di Terach era incinta
Giorno dopo giorno le chiedeva
Perchè, oh cara, sei così pallida
Ella sapeva quale valore portava in grembo

Abramo padre nostro, padre amato

Dopo nove mesi doveva partorire
Camminava per i vigneti e i campi
Ma non l’aveva detto a suo marito
Trovò una caverna, e là lo partorì

Abramo padre nostro

[1] Il testo è un’estratto della canzone “Cuando el rey Nimrod”, canzone in Ladino (la lingua degli ebrei spagnoli, diverso dal Ladino che si parla sulle Dolomiti) che racconta della nascita di Abramo. “Sefard” è il nome ebraico della Spagna.

Torna a traduzioni In Extremo