Requiem [1]

Testo originale
François Villon
Traduzione
Traduzione ©2008 Daniele Benedetti

Or out les Jaulx amans le bout
Et les dames print la vollée
C’est le droit loyer qu’amours
Toute Joy y est viollée

David le roy, sage prophetes
Crainte de Dieu en oublia
Voyant laver cuisses bien faites
Bien est eureux qui riens n’ya

Quelque doulx baiser n’acollée
De chiens d’oyseaulx, d’armes, d’amours
Chascun le dit à la vollée
Pour ung plaisir mille doulours

David le roy, sage prophetes
Crainte de Dieu en oublia
Voyant laver cuisses bien faites
Bien est eureux qui riens n’ya

Le false contese sono l’obiettivo
Su questo le donne volano frettolosamente
Questo è il prezzo che vuole l’amore
La fedeltà sarà rotta e si mentirà

Anche re Davide, saggio profeta
Ha visto con voluttà, Dio al figlio
Due belle gambe là al pozzo
Sia felice colui che ne resta lontano

Anche le rose potrebbero essere così dolci
Come armi presso donne, uccelli, peccatori
Tutti dovrebbero conoscere un proverbio
Per un piacere, mille dolori

Anche re Davide, saggio profeta
Ha visto con voluttà, Dio al figlio
Due belle gambe là al pozzo
Sia felice colui che ne resta lontano

[1] Il testo della canzone è un estratto della “Double ballade” di François Villon.

Torna a traduzioni In Extremo