De la morte noire – A proposito della morte nera

Testo originale
Testo ©1997 Haggard
Traduzione
Traduzione ©2010 Daniele Benedetti

Born through astral constellation
Those pictures are now getting clearer
inside his head
And sent by the highest God
They start to rise from the deepest depth

My King – dead – no!
Dying by the lance…So slow…

He wipes the tears
Away, and tries to think
As clear as the falling rain
but his hope begins to sink…

…Down to this point
Do you fear? Yes you do, and you always will!
the bleeding of another part
crawls into your mind and still…

Es kam zu erinnern
An des Menschen Buße
Die Maske des Vogels
Nickt höhnisch zum Gruße
In Schwarz gehüllt
Auf schwarzem Rosse getragen
Die Menschheit zu knechten
Kam der Herr der Plagen
Pest regiert mit strafender Hand
und Leichen bedecken das Land…Das Land

Out of the sorcerer’s chamber?
Or do they come straight from the hands of the goat?
This roses’ leaves seem to be magic
And saved all the poor population below
My wife…Sons…No!
Diphteria creeps, and no one knows…

Nate attraverso constellazioni astrali
Queste immagini diventano ora più limpide
dentro la sua testa
E mandate dal più alto Dio
Cominciano a levarsi dall’abisso

Il mio re – morto – no!
Ucciso dalla lancia…Così lenta…

Si asciuga le lacrime
E prova a pensare
Limpido come la pioggia che cade
ma la sua speranza comincia ad affondare…

…Giù a questo punto
Hai paura? Si ce l’hai, e ce l’avrai sempre!
il sanguinamento di un’altra parte
striscia nella tua mente e si calma…

Venne a ricordare
La penitenza degli uomini
La maschera dell’uccello
Annuisce in tono di scherno al saluto
Ricoperto di nero
Portato su un cavallo nero
Per servire l’umanità
Venne il signore delle piaghe
La peste regna con mano punitrice
e i cadaveri coprono la terra…La terra

Fuori dalla camera dello stregone?
O vengono dritte dalle mani del satiro?
Queste foglie rosa sembrano magiche
E hanno salvato tutta la povera popolazione
Mia moglie…Figli…No!
La difterite striscia, e nessuno lo sa…

Torna a traduzioni Haggard