Sabrina

Testo originale
Testo ©2000 Einstürzende Neubauten
Traduzione
Traduzione © Daniela Ceglie

It’s not the red of the dying sun
The morning sheet’s surprising stain
It’s not that red of which we bleed

The red of cabernet sauvignon
A world of ruby all in vain

It’s not that red

It’s not as Zeus’ famous shower
It’ doesn’t, not at all, come from above
It’s in the open but it doesn’t get stolen
It’s not that gold
It’s not as golden as memory
Or the age of the same name

It’s not that gold

I wish this would be your colour…
Your colour, I wish

It is as black as Malevitch’s square
The cold furnace in which we stare
A high pitch on a future scale
It is a starless winternight’s tale
It suits you well

It is that black

I wish this would be your colour…
Your colour, I wish

Non è il rosso del sole morente
la sorprendente macchia sulle lenzuola del mattino
Non è quel rosso di cui sanguiniamo

Il rosso del cabernet sauvignon
Un mondo di rubino, tutto invano

Non è quel rosso

Non è come la famosa pioggia di Zeus
Non viene assolutamente giù dal cielo
E’ all’aperto, ma non viene rubata
Non è quel color oro
Non è d’oro come la memoria
O come l’età dallo stesso nome

Non è quel color oro

Vorrei che fosse questo il tuo colore
Il tuo colore, vorrei

E’ nero come il quadrato di Malevitch (1)
La gelida fornace nella quale fissiamo gli occhi
Un tono alto su una gradazione futura
E’ una fiaba da notte invernale senza stelle
Ti si adatta bene

E’ quel nero

Vorrei che fosse questo il tuo colore…
Il tuo colore, vorrei

[1] Kasimir Malevich (1878-1935). Pittore e designer russo, con Mondrian il più importante pioniere dell’arte geometrica astratta.

Traduzione presa dal sito danielaceglie.com

Torna a traduzioni Einstürzende Neubauten