How did I die – Come sono morto [1]

Testo originale
Testo © Kurt Tucholsky
Traduzione
Traduzione ©2015 Walter Biava

I was in a crater
pockmarked fields on either side
I was meant to be all safe
How did I die?
How did I die?
or didn’t I?

Un sursaut, une crispation,
mon corps soudain
comme vouiant s’engloutir
dans la terre.
How did I die?
How did I die?
or didn’t I?
Didn’t I die at all?

I fell into a ditch
inside an A7V
on the end facing
Mephisto is it’s name
How did I die?
How did I die?
or didn’t I?

Ein schwarzes Biest
ein Splitterregen
über den Bäumen zerspringt
und niedergeht
How did I die?
How did I die?
or didn’t I?
Didn’t I die at all?

Now there is only that sinister brown belt
a strip of murdered Nature
It seems to belong to another world
Every sign of humanity has been swept away
The woods and roads have vanished like chalk wiped from a board
of the villages nothing remains but gray smears
where stone walls have tumbled together
A confused mass of troubled earth
Columns of muddy smoke spurt up continually
as high explosives tear deeper into this ulcered area.
How did I die?
I fell from the sky
or didn’t I?

I filled my mouth with water
so the bullet could suceed
How did I die?
How did I die?
Did I die by my own hand?
or didn’t I?
How did I die?
Or didn’t I die at all?

How did we die?
or didn’t we?
didn’t we die at all?
We didn’t die
We didn’t die
We are back with a different song
We didn’t die
We didn’t die
We’re just singing a different song
we are back with a change of weather
ein anderer Wind, ein neues Lied

We didn’t die
We didn’t die
We give you a different song
okookookookooskrookookookookoo
the difference is in the song
okookookookooskrookookookookoo
difference makes the song
We didn’t die
We didn’t die
We didn’t die
We didn’t die

Io ero dentro una gabbia
campi coperti di buchi su entrambi i lati
Io sono stato concepito per essere sicuro
come sono morto?
Come sono morto?
O non lo sono?

Un sussulto, una contrazione
il mio corpo improvvisamente
viene inghiottito
nella terra
come sono morto?
Come sono morto?
O non lo sono?
Non sono affatto morto?

Io caddi in un fosso
dentro un A7V[2]
col fronte in avanti
Mephisto[3] è il suo nome
come sono morto?
Come sono morto?
O non lo sono?

Una bestia nera
una pioggia di schegge
scoppia sopra gli alberi
e si abbatte
come sono morto?
Come sono morto?
O non lo sono?
Non sono affatto morto?

Ora c’è solo questa cintura marrone sinistra
una strisca di Natura assassinata
Sembra appartenere ad un altro mondo.
Ogni segno di umanità è stato spazzato via
I boschi e le strade sono spariti come gesso pulito dalla lavagna
dei villaggi non rimane nulla tranne macchie grigie
dove i muri di pietra sono rotolati assieme
Una massa confusa di terra problematica
Colonne di fumo torbido sgorga continuamente
mentre potenti esplosivi squarciano ulteriormente questa area lacerata.
Come sono morto?
Io caddi dal cielo
o non l’ho fatto?

Io riempio la mia bocca d’acqua
in modo che i proiettili possano riuscire
come sono morto?
Come sono morto?
Sono morto per mano mia?
O non lo sono?
Come sono morto?
O non sono affatto morto?

Come siamo morti?
O non lo siamo?
Non siamo affatto morti?
Noi non siamo morti
noi non siamo morti
Noi siamo tornati con una canzone diversa
noi non siamo morti
Noi non siamo morti
Noi stiamo solo cantando una canzone diversa
noi siamo tornati con un cambio del tempo
un altro vento, una nuova canzone

Noi non siamo morti
noi non siamo morti
noi vi diamo una canzone diversa
okookookookooskrookookookookoo
la differenza è nella canzone
okookookookooskrookookookookoo
la differenza fa la canzone
Noi non siamo morti
Noi non siamo morti
Noi non siamo morti
Noi non siamo morti

[1] Tratto dal brano scritto dal giornalista e poeta tedesco Kurt Tucholsky.

[2] Il carro armato A7V (Deutsche Gelandeswagen A7V per esteso) è stato uno dei primi carri armati tedeschi utilizzati nella prima guerra mondiale.
[3] I suddetti carri armati avevano diversi nomi, tra i quali si ricordano Mephisto e Wotan (una sorta di nuova versione basata appunto sul modello Mephisto).

 Torna a traduzioni Einstürzende Neubauten