Sadly sings destiny – Il destino canta tristemente

Testo originale
Testo ©2002 Blind Guardian
Traduzione
Traduzione ©2009 KingOfKings87

A wooden cup
And a crown of thorns
Will set up the stage for the cross
I rent a room next door
There is nothing more
No further voices to hear
I’ll be free
It doesn’t matter anymore
That someone’s knocking at my door
I’ve known it long before
The Galilean’s on the floor
Shame on me
Shame on me
I’m a tool and nothing more

I can feel it’s getting nearer
Images they’ll turn out clearer
Creeps in and out of your mind
I’m destiny personified
I know there’s something more behind
But is it really justified
To sacrifice
To crucify
The rescue of the human kind

Sadly sings destiny
Sadly sings destiny
“For ages I’ve been waiting
Now spring is in the air
Let it in”

I hear them howling hear them scream
The raging mob turns mad it seems
The king’s in town
We need a crown
I think we all know
How it ends

So we’re not going take it longer
So all I know is I don’t care
Sp we’re not going take it longer
Now we are aware

I can feel it’s getting nearer
Images they’ll turn out clearer
Creeps in and out of your mind
I’m destiny personified
I know there’s something more behind
But is it really justified
To sacrifice
To crucify
The rescue of the human kind

Sadly sings destiny
Sadly sings destiny
“For ages I’ve been waiting
Now spring is in the air
Let it in”

There I tie the ass
There I tie the colt
Begging for a last chance
I hear the voices say
“We get him home tonight
And that’s all you need to know”
I’m alone

So I can’t stand it any longer
And I don’t want to see it all
Nazarene your vision will come true
Will come true
They’ll get you

I can feel it’s getting nearer
Images they’ll turn out clearer
Creeps in and out of your mind
I’m destiny personified
I know there’s something more behind
But is it really justified
To sacrifice
To crucify
The rescue of the human kind

Sadly sings destiny
Sadly sings destiny
“For ages I’ve been waiting
Now spring is in the air
Let it in”

Un calice di legna
e una corona di spine
prepareranno lo scenario per la croce
prenoto una camera vicino la tua
non c’è più nulla
non ci sono altre voci da ascoltare
sarò libero
non mi importa di nessun altro
c’è qualcuno che bussa alla mia porta
già lo sapevo
il Galileo è giù
vergogna su di me
vergogna su di me
sono un attrezzo e nulla più

Posso sentire quando si avvicina
immagini diventeranno più chiare
Striscia dentro e fuori dalla tua mente
sono il destino in persona
so che c’è molto dietro
ma è davvero giustificato
sacrificare
crocifiggere
la salvezza del genere umano

Il destino canta tristemente
Il destino canta tristemente
“Per ere ho atteso
ora la primavera è nell’aria
lasciatela andare”

Li sento ululare ascolta le loro urla
sembra che la rabbiosa folla diviene pazza
il re è in città
abbiamo bisogno di una corona
pensi che tutti lo sappiano
come finisce

Cosi non lo porteremo troppo avanti
tutto ciò che so è che non me ne importa
cosi non lo porteremo troppo avanti
ora siamo avvisati

Posso sentire quando si avvicina
immagini diventeranno più chiare
Striscia dentro e fuori dalla tua mente
sono il destino in persona
so che c’è molto dietro
ma è davvero giustificato
sacrificare
crocifiggere
la salvezza del genere umano

Il destino canta tristemente
Il destino canta tristemente
“Per ere ho atteso
ora la primavera è nell’aria
lasciatela andare”

Lì ho legato l’asino
li ho legato il puledro
pregando per un’altra possibilità
odo una voce dire
“Lo prenderemo da casa stanotte
ed è tutto ciò che devi sapere”
Sono solo

Non posso stare cosi a lungo qui
e non voglio vedere tutto
Nazareno la tua visione diverrà realtà
diventerà realtà
ti cattureranno

Posso sentire quando si avvicina
immagini diventeranno più chiare
Striscia dentro e fuori dalla tua mente
sono il destino in persona
so che c’è molto dietro
ma è davvero giustificato
sacrificare
crocifiggere
la salvezza del genere umano

Il destino canta tristemente
Il destino canta tristemente
“Per ere ho atteso
ora la primavera è nell’aria
lasciatela andare”

Torna a traduzioni Blind Guardian